Il Lago di Varano e la Leggenda della Città Scomparsa: Uria

Uno dei patrimoni più sublimi del Gargano è il Lago di Varano, un lago salato rifornito da molte sorgenti di acqua dolce provenienti dalle montagne dei paesi vicini e da due canali che comunicano con il mare: il Canale di Varano e il Canale di Capoiale. Il Lago è un vero e proprio Paradiso per i pescatori del posto, che ogni giorno con i loro “sann’r” (i Sandali), delle semplici barchette senza motore si avventurano tra le vie del lago per coltivare cozze, le “laurate” (le orate) e “u captòn” (il capitone)….e così sulle tavole garganiche ogni mattina grazie al lago e grazie al mare il pesce è sempre fresco, salutare e buonissimo.

Al Lago di Varano è legata una leggenda molto suggestiva. Si racconta che tanti anni fa, anziché le acque del lago, esisteva una città, “Uria”, governata da Re Tauro. Un popolo dai comportamenti violenti e scellerati che scatenarono l’ira di Dio. Dio infastidito dalla loro cattiveria riversò sulla città un diluvio che distrusse quasi tutto. Una sola persona si salvò: una ragazza dal nome “Nunzia”, una fanciulla dal cuore semplice che trascorreva le sue giornate all’insegna della preghiera, del lavoro e del suo innamorato.

Nunzia, rendendosi conto della catastrofe che si stava riversando sul suo paese e soprattutto vedendo il suo innamorato in pericolo, lanciò un gomitolo di lana tra le acque per salvare il suo promesso sposo, purtroppo il suo tentativo fu invano: non riuscì a salvarlo, ma quel gesto fermo il diluvio. Una sola abitazione si salvò: la casa di Nunzia. Si dice ancora che l’anima della ragazza continui ad aleggiare tra le acque del Lago di Varano e che in certe notti si sente il suo canto straziante che ancora canta all’Amore perduto. Così nasce la Chiesa dell’Annunziata del Crocifisso di Varano, meglio conosciuta come la Chiesa del Santissimo Crocifisso di Varano.

Lago di Varano: Un paradiso tutto da scoprire. 🙂
Michela Colafrancesco1a7b97df14129a25f (1) (1) 1a7b97df14129a25f (1) 1a7b97df14129a25f002 (2)002 (2) (1)002 (1)1b

Rodi Garganico: Verso il Convento dello Spirito Santo :)

Il Convento dello Spirito Santo di Rodi Garganico, appartenente all’ordine dei Cappuccini,  è situato su un’alta collina ed è immerso totalmente fra il verde degli ulivi e degli agrumi; le materie prime dell’economia agricola del paese. Le origini del Convento risalgono al 1538 ed è uno dei più antichi di tutta la regione monastica dell’Angelo che comprende la Capitanata e il Molise. In passato, il Convento Di Rodi Garganico, fu un luogo di noviziato per i giovani che intraprendevano il cammino verso la vita consacrata e tra le sue mura morirono dei santi religiosi: padre Leandro piemontese, padre Lorenzo da Taggia, frate Salvatore da Cagnano Varano e frate Domenico da Vico del Gargano; tutte personalità molto rilevanti dal punto di vista religioso. Annessa al Convento c’è una splendida Chiesa dedicata allo Spirito Santo che risale al 1678. All’interno si trovano dei favolosi affreschi dei profeti Geremia, Ezechiele, Daniele ed Isaia di Paolo Gamba e tre altari antichissimi dallo stile Barocco. Il bellissimo affresco della Pentecoste con l’arcangelo San Michele e San Francesco, opera di Ippolito Borghese, cui la copia è situata al centro dell’altare, è stato restaurato dalle belle arti di Bari ed ora l’originale è situato presso il santuario dell’Immacolata di Foggia. Esiste un’antica tradizione popolare sul Convento, ” l’Ultimo Sabato di Aprile del Convento”, che vede il popolo rodiano impegnato a trascorrere una piacevole giornata primaverile all’insegna della natura, dei succulenti pranzi genuini, e delle splendide melodie garganiche. La leggenda narra che ai tempi antichi, visto la posizione alta e fuori dal paese in cui si trova il Convento, il popolo rodiano si rifugiava tra le campagne e la sua pace per ripararsi dai vari pericoli di guerriglia. In particolare si narra che dopo l’epopea napoleonica i rodiani, grazie all’aiuto dei frati cappuccini, si ritirarono per diversi mesi in questa splendida oasi di pace fino a quando il pericolo non fu del tutto scampato…ecco perchè un rodiano doc non rinuncia mai ad una visita al Convento in occasione dell’Ultimo Sabato di Aprile. E per terminare aggiungo che negli ultimi anni questo splendido convento è stato magnificamente ristrutturato e che sarebbe un’ottima meta per la realizzazione di un centro spirituale. Attualmente è aperto al pubblico, ogni sabato viene celebrata la Santa Messa e le sue porte sono spalancate per tutti coloro che vogliono visitarlo. Il Convento di Rodi Garganico: una tappa ideale per gli amanti della natura e della spiritualità. Michela Colafrancesco 017013028009007005015082074073.

Poesie Dialettali: NOSTALGIA DELL’EMIGRATO VIESTANO di Maddalena Iavicoli

Quann u sol chel dret la muntagn
j penz semp a te, paes mij,
e stu cor che è rumes jnt la campagn
c streng p’ la troppa nustalgij.
Da tutt u munn la genta fruster
ven a vdè sta b’llezz d la natur:
tin u scugghj che aiut i marner
e spiagg, murg, grott, copp e chianur.

T’ agghj lasset p scì fatgann,
aveva da u pen ai figghj mij.
J non penz a Ferragost e a Chep d’ann:
vogghj turnà da te a Santa Marij.

Vist,
te vech nnant a me
a tutt l’or !
D la rin’ch e di sting
sent l’addor,
du cil e u mer tuv
vech u ch’lor!
Vist, Vista mij,
vogghj turnà da te
nnanz che mor!

Foto di Nicola Santoro001 (1) (1) (1) (1) (1) (1) (1) (1) (1) (1) (1) (1) (1) (1)
TRADUZIONE
Nostalgia dell’emigrato viestano.
Quando il sole cade dietro la montagnaio penso sempre a te,paese mio, e questo cuore che è rimasto nella campagna si stringe per la troppa nostalgia.

Da tutto il mondo la gente forestiera viene a vedere questa bellezza della natura: Tu hai il faro che aiuta i marinai e spiaggie,rocce,grotte,colline e pianure.
Ti ho lasciato per andare a lavorare, dovevo dare il pane ai figli miei.
Io non penso a capo d’anno e a ferragosto, voglio tornare da te a Santa Maria.
Vieste ti vedo avanti a me a tutte le ore!
Dell”origano e delle ginestre sento l’odore del cielo e del mare tuo vedo il colore.
Vieste Vieste mia voglio tornare da te prima che io muoia.

Poesie Dialettali: QUANN I PIATT C’ LAVàV’N’ Pā JòTT di Vincenzo Campobasso (Sfoghi d’Anima 15/05/2011)

Quann i piatt c’ lavàv’n’ pā jòtt

no nc’ m’ttév’ n’ssciúnu detersív’;

bbastèv’ st’àqqua cavd e na pacch’ d’ ch’mún’

(che no mmanchèv’ mèjə nta na chès’

púr’ se nc’ stév’ pèn’ da magnà!)

p’ ffa ssciògghjə u grass du rajù.

E pp ssckaràr’l’, nu póch’ d’àqqua frèsck dā funtèn’:

i piatt scèv’n’ pulít’ che c’ s’ntév’ púr’ u zzì

quann i str’sscèv’ p’ nnu dít’!

Púr’ dd’àqquə no nc’ facév’ vrètt

e ccia putavèm’ dà perfín’ ë pùrch’!

E se ff’név’ jìnda mèr’

ògne ccòcc’l’ truuèv’ da sscialà

e cc’ facév’ gràssa grass e nno nc’ dév’

n’ssciúna malatìjə se ccia magnavèm’ crúd’!

P’cc’nìnn, sènza cussciènz, c’ ss’ttavèm’

sóp’ i mùrg’ e cc’ faciavèm’ na ttr’ppèt’

sènza pajúr’ d’ cacarèdd e ttíf’!

Quann i piatt c’ lavàv’n pā jòtt,

dd’àqquə ‘a pìgghjavèm’ pī varríl,

pī sìcchjə e ppī qquartèr’;

u vín’, però, ciu ccattavèm’ alla cantín’

e jjév’ cùddu bbón’, d’ Canós’ e SSanz’vér’

(pat’m’ d’cév’ tutt i jùrn, puntualmènt,

sèmp nu mumènt prím’ d’ magnà:

Cenzí, pìgghjə ‘a bbuttìgghjə

e vva da Ciuncranèdd o va da Capp’ddùcc’

e ffatt dà tre qquart e nna jazzós’,

m’ raccumànn, cùddu nír’,

ccuscì sím’ cuntènt tutt e qquatt”;

ji currév’ e nno vv’dév’ l’ór’ d’ turnà

p’cchè t’név’ na fèm’ che sbattév’ ntèrr).

Quann i piatt c’ lavàv’n’ pā jòtt,

f’nút’ d’ maggnà, ndi jùrn d’ statìjə,

ssc’gnavèm’ ä mmèr’ ä ppass’jà

sóp’ ‘a rén’ o sóp’ alla bbanchín’

e sp’ttavèm’ i varch’ dalla pèsch’

p’ ccattàr’c’ i pìssc’ frìsck frìsck

– specialmód’ trègghjə e jjust’nèdd,

quànn jév’ u tèmb lór’.

I sckamavèm’, luuavèm’ i jarz e i v’dìdd

e ppù li lavavèm’ jìnda mèr’.

I just’nèdd, quàl’che vvòvt, cī maggnavèm’ crúd’

– ma sèmp p’ nnu póch’ d’ ch’mún’ –

ss’ttèt’ sóp’ ä qqual’che ppatanèdd

che c’ truuèv’ nzìcch’ sóp’ ‘a rén’

(c’ purtavèm’ púr’ u pèn’ frìsck

che mamm avéva fatt da nu jùrn);

a zùpp, mméc’, cia purtavèm’ ä cchès’

e ccia magnavèm’ u lun’dì,

pī bbavètt o pū pèn’ abbrustulút’

sóp’ ‘a vrèsc’ da carvunèdd

d’ rùs’l’, d’ stìng’ e dd uulív’.

Quann i piatt c’ lavàv’n’ pā jòtt,

no nc’ stév’ cùstu pòrt nóv’

ch’ănna frabb’chèt’ pī s’ggnúr’,

quìdd’ che vven’n’ l’estèt’

e ddà rumàn’n’, jìnd i varch’ lór’,

sènza sscèggn ntèrr e ssènza v’s’tà

cùstu pajès’ nòstr tànta bbèll,

rìcch’ d’ strèt’ e str’tt’lìcchjə,

d’ chjés’ e dd’ palàzz e ppalazzún’,

d’ chès’ e ccasarèdd chjén’ d’ prufúm’,

pī c’m’nér’ javt e ppī p’nnàcchjə,

pū mér’ sòtt i píd’ e ppī jardín’

che li fann da gr’lland attùrn attùrn!

Quann i piatt c’ lavav’n’ pā jòtt,

c’ stév’ solamènt na bbanchín’,

sèmp p’ nna nfòdd d’ cr’stièn’,

p’scatúr’, p’ssciajúl’ e jjènt d’ fatíjə,

mar’nèr’ che pī lanz purtàv’n’ e pp’gghjàv’n’

quìdd che jèv’n’ o turnàv’n’ da Trèm’t’,

na bbanchín’ che t’név’ tànta stòrjə

da ccuntà, sóp’ ‘a pèsch’, sóp’ u cummèrc’

dī portajàll e ddī ch’mún’ che jjèv’n’

ä queddàvta vann du mèr’, all’Albanìjə,

p’ffín’ ä ZZèr’ e ä TTr’jèst e cchjù ssóp’ ancór’,

ndu cór’ d’ l’Àustr e dda GGermànjə e cch’ssaddóv’!

Quann i piatt c’ lavàv’n’ pā jòtt…

Quànta cós’ bbèll ji putèss ancór’ díc’,

ma mò ji mê ff’jà, p’cchè ji cchiù c’ pènz

e cchjù raccònt e cchjù m’ mètt ä llagr’mà!

vincenzo campobasso

San Giovanni Rotondo, 15 Mag 2011

(in SFOGHI D’ANIMA)

Foto di Michela Colafrancesco, Sorgente di Canneto
Nuovo_1_DSC01753Nuovo_1_DSC01751 Nuovo_1_DSC01749 Nuovo_1_DSC01742

TRADUZIONE sempre a Cura di Vincenzo Campobasso

 

QUANDO I PIATTI SI LAVAVANO Pā JòTT (1)

Quando i piatti si lavavano pā jòtt

non ci si metteva il detersivo;

bastava quest’acqua e mezza parte di limone

(che non mancava mai in una casa

pur se non c’era il pane da mangiare!)

per far sciogliere il grasso del ragù.

E, per sciacquarli, un poco d’acqua fresca della fonte:

i piatti venivano puliti che si sentiva anche lo żiii (2)

quando si strisciava con un dito!

L’acqua non diventava sporca

e potevamo darla persino ai porci

che nella fattoria allevavamo

con ghiande di querce e con granturco.

E se finiva dentro il mare

ogni cozza trovava da scialarsi

e diventava grassa grassa e non ci dava

alcuna malattia pur a mangiarla cruda!

Piccoli, incoscienti, ci sedevamo

sugli scogli e ne facevamo scorpacciate

senza timore di diarree e tifo!

Quando i piatti si lavavano pā jòtt

l’acqua la prendevamo coi barili,

con i secchi e con le giare;

il vino, però, lo compravamo all’osteria

ed era quello buono, di Canosa e San Severo

(mio padre, tutti i giorni, puntualmente,

sempre un momento prima di mangiare,

mi diceva: “Cenzí, prendi la bottiglia

e va’ da Ciuncranèdd o Capp’ddùcc’

e fatti dar tre quarti con gazzosa,

mi raccomando, quello nero,

così siamo contenti tutti e quattro”;

io correvo e non vedevo l’ora di tornare

perché tenevo una tal fame

che per poco non sbattevo a terra).

Quando i piatti si lavavano pā jòtt,

finito di pranzare, nei giorni dell’estate,

scendevamo a mare a passeggiare

sulla sabbia o sopra il molo

ed attendevamo le barche dalla pesca

per comprare i pesci freschi freschi

– specialmente agostinelle (3) e triglie,

quando era il loro tempo.

Li si desquamava, toglievamo le branchie

le pinne e le budella

e poi li lavavamo presto presto

dentro il mare trasparente.

Le agostinelle, qualche volta,

le mangiavamo crude

– sempre con un poco di limone –

seduti sopra una barchetta

che si trovava in secca sulla sabbia

(ci portavamo anche il pane fresco

che mamma aveva preparato il giorno prima);

la zuppa (4), invece, la portavamo a casa

e la mangiavamo il lunedì,

con le “bavette” o con il pane tostato

alla brace della carbonella

di cisto, di lentisco e di ulivo.

Quando i piatti si lavavano pā jòtt

non c’era questo porto nuovo

che hanno costruito per i gran signori,

quelli che vengono d’estate

e là rimangono, nelle loro barche,

senza scendere a terra e senza visitare

questo paese nostro tanto bello,

ricco di strade e di stradine,

di chiese e di palazzi e palazzoni,

di case e casette piene di profumi,

con i pinnacoli sulle alte ciminiere,

con il mare sotto i piedi e coi giardini

che fan loro da ghirlanda tutt’intorno!

Quando i piatti si lavavano pā jòtt,

c’era solamente un molo,

sempre con una folla di gente,

pescatori, pesciajóli (5) e manovali,

marinai che trasportavan con le lance

alla motonave e viceversa

quelli che andavano o tornavan dalle Tremiti,

un molo che aveva tanta storia

da raccontare, sulla pesca, sul commercio

delle arance e dei limoni che andavano

dall’altra parte del mare, in Albania,

persino a Zara ed a Trieste ed ancora più su,

nel cuore d’Austria e di Germania

forse persino nella Russia e chissaddove!

Quando i piatti si lavavano pā jòtt…

Quante cose belle potrei ancora dire,

ma ora è necessario che mi fermi,

perché più ci penso e più ricordo

più ricordo e più racconto

e più mi metto a lacrimare!

Foresta Umbra: la favola del polmone verde del Gargano :)

C’è un tipo di Verde che soltanto il POLMONE DEL GARGANO riesce ad emanare…è il verde della speranza, della serenità, è il verde dell’aria pulita che ristora l’anima ed il corpo e giova gli occhi di chi l’osserva.

Semplicemente: la FORESTA UMBRA del Gargano 🙂

La Foresta Umbra si sviluppa fino a 830m di altitudine. La sua origine è millenaria ed ha conservato integralmente il suo manto vegetativo.
Alcuni associano il nome “Umbra” alla popolazione celtica degli Umbri, secondo cui visto le scorribande di cui questo popolo è noto, essi si rifugiavano nei boschi del gargano onde evitare di esser catturati…per altri invece il suo nome è dovuto dalla sua condizione climatica molto ombrosa… quindi Umbra deriva dal semplice termine “Ombra”- “Cupa”.

Per questa sua condizione climatica molto fresca tipica delle foreste nordiche, Umbra è stata anche definita la “Foresta del Sud con gli alberi del nord” .
Il faggio, ad esempio, grazie a questo clima, cresce ad altitudini molto basse e presenta delle forme e delle dimensioni molto caratteristiche e quasi uniche nel loro stile, in effetti essi sono stati classificati tra i più bei esemplari di faggeti di tutta l’ Italia.

Oltre al faggio, la Foresta Umbra offre una vastissima varietà di alberi. Essa si divide in tre zone: quella alta, che e formata appunto dai faggi, quella intermedia, dove troviamo i cerri e le querce, e infine la zona bassa in cui sono presenti molti lecci.

Diffuso nella foresta è anche l’albero del Tasso. Esso vive in solitudine, in quanto le sue radici tendono a soffocare le vegetazioni vicine. In effetti è detto anche “albero della morte”, poiché da esso si ricava un veleno mortale, la “tassina”, che ha un effetto narcotico e paralizzante sull’uomo e su alcuni animali; la tassina è mortale in quanto anche se ingerita in piccole quantità blocca la respirazione.
Al Tasso è legata anche una suggestiva e dolente Leggenda secondo cui Federico II di Sveva era solito utilizzare questo veleno per liberarsi dalle sue amanti scomode.

Per quanto concerne invece la specie animale, essa ospita specie animali comuni e rari. Possiamo trovare cinghiali, caprioli, picchi e donnole, daini e volpi.

Per il Gargano la Foresta Umbra rappresenta un Tesoro Inestimabile 🙂 ed è il luogo ideale anche per gli appassionati di fotografia naturalistica che possono trovare in questo luogo benedetto dal cielo migliaia di scenari con cui sfiziare la propria passione.
Quando si arriva nei pressi della Foresta Umbra è come entrare in una di quelle Favole di cui non ci stancheremo mai di raccontare 🙂

©Album Del Gargano
Seguici anche su Facebook: https://www.facebook.com/albumdelgargano















 

A MIA MADRE di Vincenzo Campobasso – Un saluto ad una mamma che ha fatto tanto :)

A mia madre

Ernestina Coccia Campobasso

Assurdo che dia lode a sora Morte,

ma pure glielo debbo, chè non posso,

non posso – lo dichiaro – farne a meno.

Pietosa è stata infine, amata madre,

bisogna che con me lo riconosca!

Lei è venuta presso il capezzale

proprio quest’oggi, per portarti via,

seppur dopo un settennio senza fine

di vita solamente vegetale,

la mente resa priva d’intelletto

rinchiusa nel silenzio d’un fardello

ispiratore solo di pietà.

A lungo t’ha scrutata inoperosa

indifferente, forse, o perché conscia

ch’eri assai forte, stagna come quercia

e non poteva ancora intervenire

prima che il tuo momento fosse giunto.

Poi, a quel tempo ritenuto giusto,

s’è mossa per adempiere l’ufficio

a cui, da quando è nata, è deputata.

Ho perso un punto di riferimento,

ma tu lo sai ch’ò pianto senza pianto,

un po’ per dare retta al tuo volere,

un poco perché c’era un po’ di gioia

nel cuore mio di figlio che t’amava

e che non ti voleva prigioniera

di quella malattia disumana.

Ciò che t’ha dato è ciò cui l’uomo giusto

agogna e che prepone a molti beni,

perfino al benestare, alla salute:

t’ha fatto dono della libertà,

quella ch’à reso vinti i prepotenti

ed ha forgiato a schiere tanti eroi

caduti per poterla conquistare.

*

Crocetta del Montello, 2 Set.2005

(in DEDICHE ED EPICEDI)

001 (1) (1) (1) (1) (1) (1) (1) (1) (1) (1) (1) (1) (1) (1)Foto Tratta da Il Gargano di Antonio Beltramelli

Poesie Dialettali: CH’U SEP’ S’Ê S’NTI’… (Riudrò forse… ) di Vincenzo Campobasso

Ch’u sèp’ s’ê s’ntì u r’mór’ d’ dd’ùnn

quann so tturnèt’ a Róda mìjə

o ss’ttèt’ súl’ súl’ sóp’i mùrg’

ddóv’ scr’vev’ che jjev’ ancór’ uagglión’

i prím’ pojesìjə ‘nda stèssa manér’ che fann

i pojét’, o stís’ ‘ntu tavút’

‘nda lùt’ma chès’ che da sóp’ ‘a ríp’

uard u mèr’ che sta sòtt

e, da luntèn’, dd’ìs’l’ d’ Trèm’t’

mmèzz ä ddaqqua vèrd e bblù!

-Vincenzo Campobasso

BeFunky_DSC04818.jpg

Traduzione ( a cura di Vincenzo Campobasso)

RIUDRO’ FORSE…

Riudrò forse il fragore delle onde

quando sarò tornato alla mia Rodi:

seduto solitario sugli scogli

dove scrivevo, ancora adolescente,

le mie prime liriche scimmiottando

i poeti, o disteso nella bara,

nell’ultima dimora che da ripa

contempla il mare verde sottostante

e, da lungi, le Tremiti feconde.

Foggia, 20 Apr.1994