Vico del Gargano: San Valentino: La Stagione degli Agrumi e dell’Amore :-)

Il 14 Febbraio a Vico del Gargano si festeggia san Valentino. Il Santo Patrono, oltre a proteggere gli innamorati, assume l’importante ruolo di protettore degli agrumi e quindi dell’economia agricola del posto. Un’intera settimana in festa per celebrare le tradizioni più antiche di Vico del Gargano e per tenere sempre vivo l’amore che i vichesi […]

Poesie Dialettali: NOSTALGIA DELL’EMIGRATO VIESTANO di Maddalena Iavicoli

Quann u sol chel dret la muntagn
j penz semp a te, paes mij,
e stu cor che è rumes jnt la campagn
c streng p’ la troppa nustalgij.
Da tutt u munn la genta fruster
ven a vdè sta b’llezz d la natur:
tin u scugghj che aiut i marner
e spiagg, murg, grott, copp e chianur.

T’ agghj lasset p scì fatgann,
aveva da u pen ai figghj mij.
J non penz a Ferragost e a Chep d’ann:
vogghj turnà da te a Santa Marij.

Vist,
te vech nnant a me
a tutt l’or !
D la rin’ch e di sting
sent l’addor,
du cil e u mer tuv
vech u ch’lor!
Vist, Vista mij,
vogghj turnà da te
nnanz che mor!

Foto di Nicola Santoro001 (1) (1) (1) (1) (1) (1) (1) (1) (1) (1) (1) (1) (1) (1)
TRADUZIONE
Nostalgia dell’emigrato viestano.
Quando il sole cade dietro la montagnaio penso sempre a te,paese mio, e questo cuore che è rimasto nella campagna si stringe per la troppa nostalgia.

Da tutto il mondo la gente forestiera viene a vedere questa bellezza della natura: Tu hai il faro che aiuta i marinai e spiaggie,rocce,grotte,colline e pianure.
Ti ho lasciato per andare a lavorare, dovevo dare il pane ai figli miei.
Io non penso a capo d’anno e a ferragosto, voglio tornare da te a Santa Maria.
Vieste ti vedo avanti a me a tutte le ore!
Dell”origano e delle ginestre sento l’odore del cielo e del mare tuo vedo il colore.
Vieste Vieste mia voglio tornare da te prima che io muoia.

Poesie Dialettali: QUANN I PIATT C’ LAVàV’N’ Pā JòTT di Vincenzo Campobasso (Sfoghi d’Anima 15/05/2011)

Quann i piatt c’ lavàv’n’ pā jòtt

no nc’ m’ttév’ n’ssciúnu detersív’;

bbastèv’ st’àqqua cavd e na pacch’ d’ ch’mún’

(che no mmanchèv’ mèjə nta na chès’

púr’ se nc’ stév’ pèn’ da magnà!)

p’ ffa ssciògghjə u grass du rajù.

E pp ssckaràr’l’, nu póch’ d’àqqua frèsck dā funtèn’:

i piatt scèv’n’ pulít’ che c’ s’ntév’ púr’ u zzì

quann i str’sscèv’ p’ nnu dít’!

Púr’ dd’àqquə no nc’ facév’ vrètt

e ccia putavèm’ dà perfín’ ë pùrch’!

E se ff’név’ jìnda mèr’

ògne ccòcc’l’ truuèv’ da sscialà

e cc’ facév’ gràssa grass e nno nc’ dév’

n’ssciúna malatìjə se ccia magnavèm’ crúd’!

P’cc’nìnn, sènza cussciènz, c’ ss’ttavèm’

sóp’ i mùrg’ e cc’ faciavèm’ na ttr’ppèt’

sènza pajúr’ d’ cacarèdd e ttíf’!

Quann i piatt c’ lavàv’n pā jòtt,

dd’àqquə ‘a pìgghjavèm’ pī varríl,

pī sìcchjə e ppī qquartèr’;

u vín’, però, ciu ccattavèm’ alla cantín’

e jjév’ cùddu bbón’, d’ Canós’ e SSanz’vér’

(pat’m’ d’cév’ tutt i jùrn, puntualmènt,

sèmp nu mumènt prím’ d’ magnà:

Cenzí, pìgghjə ‘a bbuttìgghjə

e vva da Ciuncranèdd o va da Capp’ddùcc’

e ffatt dà tre qquart e nna jazzós’,

m’ raccumànn, cùddu nír’,

ccuscì sím’ cuntènt tutt e qquatt”;

ji currév’ e nno vv’dév’ l’ór’ d’ turnà

p’cchè t’név’ na fèm’ che sbattév’ ntèrr).

Quann i piatt c’ lavàv’n’ pā jòtt,

f’nút’ d’ maggnà, ndi jùrn d’ statìjə,

ssc’gnavèm’ ä mmèr’ ä ppass’jà

sóp’ ‘a rén’ o sóp’ alla bbanchín’

e sp’ttavèm’ i varch’ dalla pèsch’

p’ ccattàr’c’ i pìssc’ frìsck frìsck

– specialmód’ trègghjə e jjust’nèdd,

quànn jév’ u tèmb lór’.

I sckamavèm’, luuavèm’ i jarz e i v’dìdd

e ppù li lavavèm’ jìnda mèr’.

I just’nèdd, quàl’che vvòvt, cī maggnavèm’ crúd’

– ma sèmp p’ nnu póch’ d’ ch’mún’ –

ss’ttèt’ sóp’ ä qqual’che ppatanèdd

che c’ truuèv’ nzìcch’ sóp’ ‘a rén’

(c’ purtavèm’ púr’ u pèn’ frìsck

che mamm avéva fatt da nu jùrn);

a zùpp, mméc’, cia purtavèm’ ä cchès’

e ccia magnavèm’ u lun’dì,

pī bbavètt o pū pèn’ abbrustulút’

sóp’ ‘a vrèsc’ da carvunèdd

d’ rùs’l’, d’ stìng’ e dd uulív’.

Quann i piatt c’ lavàv’n’ pā jòtt,

no nc’ stév’ cùstu pòrt nóv’

ch’ănna frabb’chèt’ pī s’ggnúr’,

quìdd’ che vven’n’ l’estèt’

e ddà rumàn’n’, jìnd i varch’ lór’,

sènza sscèggn ntèrr e ssènza v’s’tà

cùstu pajès’ nòstr tànta bbèll,

rìcch’ d’ strèt’ e str’tt’lìcchjə,

d’ chjés’ e dd’ palàzz e ppalazzún’,

d’ chès’ e ccasarèdd chjén’ d’ prufúm’,

pī c’m’nér’ javt e ppī p’nnàcchjə,

pū mér’ sòtt i píd’ e ppī jardín’

che li fann da gr’lland attùrn attùrn!

Quann i piatt c’ lavav’n’ pā jòtt,

c’ stév’ solamènt na bbanchín’,

sèmp p’ nna nfòdd d’ cr’stièn’,

p’scatúr’, p’ssciajúl’ e jjènt d’ fatíjə,

mar’nèr’ che pī lanz purtàv’n’ e pp’gghjàv’n’

quìdd che jèv’n’ o turnàv’n’ da Trèm’t’,

na bbanchín’ che t’név’ tànta stòrjə

da ccuntà, sóp’ ‘a pèsch’, sóp’ u cummèrc’

dī portajàll e ddī ch’mún’ che jjèv’n’

ä queddàvta vann du mèr’, all’Albanìjə,

p’ffín’ ä ZZèr’ e ä TTr’jèst e cchjù ssóp’ ancór’,

ndu cór’ d’ l’Àustr e dda GGermànjə e cch’ssaddóv’!

Quann i piatt c’ lavàv’n’ pā jòtt…

Quànta cós’ bbèll ji putèss ancór’ díc’,

ma mò ji mê ff’jà, p’cchè ji cchiù c’ pènz

e cchjù raccònt e cchjù m’ mètt ä llagr’mà!

vincenzo campobasso

San Giovanni Rotondo, 15 Mag 2011

(in SFOGHI D’ANIMA)

Foto di Michela Colafrancesco, Sorgente di Canneto
Nuovo_1_DSC01753Nuovo_1_DSC01751 Nuovo_1_DSC01749 Nuovo_1_DSC01742

TRADUZIONE sempre a Cura di Vincenzo Campobasso

 

QUANDO I PIATTI SI LAVAVANO Pā JòTT (1)

Quando i piatti si lavavano pā jòtt

non ci si metteva il detersivo;

bastava quest’acqua e mezza parte di limone

(che non mancava mai in una casa

pur se non c’era il pane da mangiare!)

per far sciogliere il grasso del ragù.

E, per sciacquarli, un poco d’acqua fresca della fonte:

i piatti venivano puliti che si sentiva anche lo żiii (2)

quando si strisciava con un dito!

L’acqua non diventava sporca

e potevamo darla persino ai porci

che nella fattoria allevavamo

con ghiande di querce e con granturco.

E se finiva dentro il mare

ogni cozza trovava da scialarsi

e diventava grassa grassa e non ci dava

alcuna malattia pur a mangiarla cruda!

Piccoli, incoscienti, ci sedevamo

sugli scogli e ne facevamo scorpacciate

senza timore di diarree e tifo!

Quando i piatti si lavavano pā jòtt

l’acqua la prendevamo coi barili,

con i secchi e con le giare;

il vino, però, lo compravamo all’osteria

ed era quello buono, di Canosa e San Severo

(mio padre, tutti i giorni, puntualmente,

sempre un momento prima di mangiare,

mi diceva: “Cenzí, prendi la bottiglia

e va’ da Ciuncranèdd o Capp’ddùcc’

e fatti dar tre quarti con gazzosa,

mi raccomando, quello nero,

così siamo contenti tutti e quattro”;

io correvo e non vedevo l’ora di tornare

perché tenevo una tal fame

che per poco non sbattevo a terra).

Quando i piatti si lavavano pā jòtt,

finito di pranzare, nei giorni dell’estate,

scendevamo a mare a passeggiare

sulla sabbia o sopra il molo

ed attendevamo le barche dalla pesca

per comprare i pesci freschi freschi

– specialmente agostinelle (3) e triglie,

quando era il loro tempo.

Li si desquamava, toglievamo le branchie

le pinne e le budella

e poi li lavavamo presto presto

dentro il mare trasparente.

Le agostinelle, qualche volta,

le mangiavamo crude

– sempre con un poco di limone –

seduti sopra una barchetta

che si trovava in secca sulla sabbia

(ci portavamo anche il pane fresco

che mamma aveva preparato il giorno prima);

la zuppa (4), invece, la portavamo a casa

e la mangiavamo il lunedì,

con le “bavette” o con il pane tostato

alla brace della carbonella

di cisto, di lentisco e di ulivo.

Quando i piatti si lavavano pā jòtt

non c’era questo porto nuovo

che hanno costruito per i gran signori,

quelli che vengono d’estate

e là rimangono, nelle loro barche,

senza scendere a terra e senza visitare

questo paese nostro tanto bello,

ricco di strade e di stradine,

di chiese e di palazzi e palazzoni,

di case e casette piene di profumi,

con i pinnacoli sulle alte ciminiere,

con il mare sotto i piedi e coi giardini

che fan loro da ghirlanda tutt’intorno!

Quando i piatti si lavavano pā jòtt,

c’era solamente un molo,

sempre con una folla di gente,

pescatori, pesciajóli (5) e manovali,

marinai che trasportavan con le lance

alla motonave e viceversa

quelli che andavano o tornavan dalle Tremiti,

un molo che aveva tanta storia

da raccontare, sulla pesca, sul commercio

delle arance e dei limoni che andavano

dall’altra parte del mare, in Albania,

persino a Zara ed a Trieste ed ancora più su,

nel cuore d’Austria e di Germania

forse persino nella Russia e chissaddove!

Quando i piatti si lavavano pā jòtt…

Quante cose belle potrei ancora dire,

ma ora è necessario che mi fermi,

perché più ci penso e più ricordo

più ricordo e più racconto

e più mi metto a lacrimare!

A MIA MADRE di Vincenzo Campobasso – Un saluto ad una mamma che ha fatto tanto :)

A mia madre

Ernestina Coccia Campobasso

Assurdo che dia lode a sora Morte,

ma pure glielo debbo, chè non posso,

non posso – lo dichiaro – farne a meno.

Pietosa è stata infine, amata madre,

bisogna che con me lo riconosca!

Lei è venuta presso il capezzale

proprio quest’oggi, per portarti via,

seppur dopo un settennio senza fine

di vita solamente vegetale,

la mente resa priva d’intelletto

rinchiusa nel silenzio d’un fardello

ispiratore solo di pietà.

A lungo t’ha scrutata inoperosa

indifferente, forse, o perché conscia

ch’eri assai forte, stagna come quercia

e non poteva ancora intervenire

prima che il tuo momento fosse giunto.

Poi, a quel tempo ritenuto giusto,

s’è mossa per adempiere l’ufficio

a cui, da quando è nata, è deputata.

Ho perso un punto di riferimento,

ma tu lo sai ch’ò pianto senza pianto,

un po’ per dare retta al tuo volere,

un poco perché c’era un po’ di gioia

nel cuore mio di figlio che t’amava

e che non ti voleva prigioniera

di quella malattia disumana.

Ciò che t’ha dato è ciò cui l’uomo giusto

agogna e che prepone a molti beni,

perfino al benestare, alla salute:

t’ha fatto dono della libertà,

quella ch’à reso vinti i prepotenti

ed ha forgiato a schiere tanti eroi

caduti per poterla conquistare.

*

Crocetta del Montello, 2 Set.2005

(in DEDICHE ED EPICEDI)

001 (1) (1) (1) (1) (1) (1) (1) (1) (1) (1) (1) (1) (1) (1)Foto Tratta da Il Gargano di Antonio Beltramelli

Poesie Dialettali: CH’U SEP’ S’Ê S’NTI’… (Riudrò forse… ) di Vincenzo Campobasso

Ch’u sèp’ s’ê s’ntì u r’mór’ d’ dd’ùnn

quann so tturnèt’ a Róda mìjə

o ss’ttèt’ súl’ súl’ sóp’i mùrg’

ddóv’ scr’vev’ che jjev’ ancór’ uagglión’

i prím’ pojesìjə ‘nda stèssa manér’ che fann

i pojét’, o stís’ ‘ntu tavút’

‘nda lùt’ma chès’ che da sóp’ ‘a ríp’

uard u mèr’ che sta sòtt

e, da luntèn’, dd’ìs’l’ d’ Trèm’t’

mmèzz ä ddaqqua vèrd e bblù!

-Vincenzo Campobasso

BeFunky_DSC04818.jpg

Traduzione ( a cura di Vincenzo Campobasso)

RIUDRO’ FORSE…

Riudrò forse il fragore delle onde

quando sarò tornato alla mia Rodi:

seduto solitario sugli scogli

dove scrivevo, ancora adolescente,

le mie prime liriche scimmiottando

i poeti, o disteso nella bara,

nell’ultima dimora che da ripa

contempla il mare verde sottostante

e, da lungi, le Tremiti feconde.

Foggia, 20 Apr.1994

Novelle Dialettali: U CIAVARR (Il giovane toro) di Vincenzo Campobasso

‘A uèrr jév’ f’nút’ da nu bbell póch’ d’ann ma ndu pajəsùcc’ dī chès’ bbiangh’ i cr’st’jèn’ angόr’ no ng’ putèv’n’ r’p’gghjà: ss’m’gghjèv’’ che ‘a uèrr no nggnév’ f’nút’ angόr’, p’ qquand jév’ d’ffìc’l’ prucuràr’c’ da maggnà, p’ qquand jév’ d’ffìc’l’ vènn p’ cch’ t’név’ ‘a sp’ranż d’ vènn cùddu pόch’ che t’név’ da vènn. Ndi stíp’ di putéch’ c’ putév’ capì dalla pòv’l’ che c’ ccatastèv’ sόp’ i cόs’, quand n’ jèv’n’ v’nnút’ e nda qquànda tèmd. Súl’ i p’ssciaiúl’ v’nnèv’n’ nu pόch’, ma no nggnèv’ pèssc’ di príma qual’tà; ddàv’ti put’chèr’, quann c’ facèv’n’ i cùnd, ‘a sér’, c’ n’ ddunàv’n’ che no nnavèv’na p’gghjèt’ mangh’ u cap’tèl’. Pèjə d’ tùtt stèv’n’ i uȗccír’: ‘a carn’, che no ng’ jév’ p’tút’ maggnà quann c’ stév’ ‘a uèrr, jév’ angόr’ nu lùss che i pajəsèn’ (e nno nżulamènd lόr’) no ng’ putèv’n’ p’rmètt mangh’ mò che c’ stév’ ‘a pèc’. Ss’m’gghjèv’ che tùtt i chjàngh’ stèss’n’ cupèrt dalla cupèrt dā m’sèr’jə e ddu lùtt, púr’ se i chjanghír’, sp’cialmènd ë fèst, m’ttèv’n’ i sciúr’ nfacc’ i ggnèll e i crapìtt, p’ tt’rà l’attenżiόn’. Jév’ na pén’, p’ ttùtt quand!

Ma nu júrn, però, nghèp’ ä qqual’chedún’ jè vv’nút’ na bbella penżèt’: d’ fa na società tra i uȗccír’. N’ jèv’n’ sétt, ä quìddi tèmb! C’ ngundràv’n’, parlàv’n’ e pparlàv’n’ ma no ng’ m’ttèv’n’ mèjə d’accòrd. Alla fín’, pù, i cόs’ c’ sô ggiustèt’ e ‘a “società” à pp’tút’ ccum’nżà ä ffunziunà. Ănna chjús’ quàl’che pputèch’ e c’ sònn spartút’ i mbèggn’: na part p’nżèv’ ä vènn, n’av’ta part ä ccattà i n’mèl’ da ccíd’. Jèv’n’ ä Mmònd, jèv’n’ ä Ccaggnèn’, jèv’n’ ä Ccarpín’, jèv’n’ da qquà e da ddà. Nu júrn, sòtt i fèst’ dā Madonn, vann ndu vòsch’ d’ Sand’l’càndr e cciarr’tìr’n’ p’ pparìcchjə ggn’llún’ e magghjatìdd, na vacch’ e nnu ciavàrr. Ä rruuà ä Rrόd’ c’ sò rruuèt’, ma ä ffa trascì nda stadd u ciavàrr jè stèt’ nu póch’ cchjù d’ffìc’l’ che far’c’ trascì ggn’llún’ e magghjatìdd, púr’ se cc’ stév’ ‘a vacch’ che l’ facév’ cumbaggnìjə. Angόr’ cchjù d’ffìc’l’ avéva jèss quann l’avèv’na caccià p’ ppurtàr’l’ ö macèll, sènż ‘a cumpaggnìjə dā vacch’!

U ciavàrr jév’ ggiòv’n’, t’név’ sulamènd nu pèra d’ann, ma jév’ jav’t’ cόm’ na mundàggn, pī cùrn lùngh’ e pp’ntút’, ‘a cόd’ e i píl’ du mand grìgg’ e nnír’. Se u purtàv’n’ alla Spaggn’ p’ ccumbàtt ndi corríd’ o p’ ffujì ssciòv’t’ pī strèt’, ciavéva fa propjə na bbella f’júr’. Ma jìss, puv’rèdd, jév’ d’st’nèt’ ö macèll. E d’ jì mmurì ndu macèll d’ Rόd’, pròpjə no mbarév’ che tt’név’ n’ssciúna nd’nżiόn’: e, p’ ttùtt i còrd che tt’név’ ttacchèt’ (ún’ ö péd’ d’rìtt, sόp u zzòcch’l’, che pù passèv’ sòtt ‘a trìpp nda nnàvta còrda ttacchèt’ attùrn attùrn addrèt’ i spadd p’ ffar’lu cadè, se cc’ m’ttév’ ä ffujì), p’ pputèr’l’ purtà fin’ ö macèll c’ jè vv’lút’ nu mùnn d’ tèmb! Pόch’ pass alla vòv’t’, pā pajúra ngòdd, i curjús’ che c’ vvuc’nàv’n’ pī llucch’ di cr’jatúr’, nżòmm, nu spettacuəl’, púr’ se jjèv’ nu spettacuəl’ crudél’! U ciavàrr ass’m’gghjèv’ cū sapév’ addόv’ u stèv’n’ purtànn, ss’m’gghjèv’ che sapév’ che avéva jì mmurì! E ffòrs, murì p’ mmurì, avèssa pr’f’rút’ jì ccumbàtt nda na corríd’: fors, prím’ d’ jèss accìs’ putèv’ púr’ ngurnà ä qqual’che ttorér’, no?

Mméc’, ddùm’n’ che u t’nèv’n’ ngat’nèt’, nu pòch’ alla vòv’t’ c’ l’ănna fatt ä rruuà ö macèll, ä ffar’lu trascì, ä ttaccar’l’ alla ch’lònn, pā chèpa strètta strètt ö múr’, p’ nno nfàr’lu mόv’. U uȗccér’ cchjù pprat’ch’ ciauȗcín’ pū curtèdd alla chèp’ du ciavarr, pònd ‘a pònd nda nόc’ du còdd, nżacch’ e u ciavàrr, mméc’ d’ cadè, p’ nna bbòtt d’ grín’ r’jèssc’ ä ll’bberàr’c’ e ä sscì dō macèll che jèv’ rumàst pā porta grapètt dόp’ che qual’chedún’ c’ n’ jév’ f’jút’ dafόr’ pā pajúr’ ch’avéva p’gghjèt’. U ciavàrr nnànż, p’ ttùtt u curtèdd f’cchèt’ dd’rét’ i cúrn’, i chjanghír’ p’ ttùtt i figghjə apprèss. ‘A bbèstjə c’ mén’ abbassc’ vèrs i mùrg’, pù vèrs ‘a gallerìjə d’ punènd, pass ā queddàv’ta vann dā ferrovìjə, c’ fèrm nu mumènd no nżapènn quàlla strèta p’gghjà. Ä stu pùnd, quìdd che fujèv’n’ pā strèta bbiangh’ r’jèssc’n’ ä ttagghjà ‘a strèt’ ö ciavàrr e, ndu mumènd dā d’strazziόn’ d’ cùst, ănna p’tút’ mbatrunìr’c’ nav’ta vòvt dā còrd e p’ ttànda fatìjə l’ănna purtèt’ nàv’ta vòvt ndu macèll. Stavòv’t’ jè bbastèt’ nżaccà cchjù ddaìndr u curtèdd che no nggnèv’ cadút’, p’ ttagghjà u nèr’v’ e u pòv’r’ ciavàrr à ppèrs tùtt i fòrz che l’ jèv’n’ rumàst. Ä stu pùnd, tùtt jè gghjút’ nnanż cόm’ ä ssèmb: ccìs’, luȗèt’ u cor’jə, sduȗachèt’, squartèt’ e ccarr’jèt’ ë uȗcciarìjə pī carn che tr’màv’n’ angόr’.

Ccucculèt’ nda na zènn du macèll, nu uaggliόn’ jév’ rumàst ä uȗardà, p’ dd’ùcchjə chjín’ d’ lagr’m’ che sc’ggnèv’n’ pā facc’ e ll’ cadèv’n’ ngòdd ä nfònn ‘a camísc’ cόm’ se, v’vènn da na cannèdd, ngòdd l’ fòss cadút’ na sciumèra d’àqquə!
Vincenzo Campobasso
#gargano #weareinpuglia #visitpuglia #viaggiareinpuglia #albumdelgargano
TRADUZIONE (sempre a cura di Vincenzo Campobasso)

IL GIOVANE TORO

(U ciavàrr)

Era il dopoguerra e, nel paesino dalle case bianche, la recessione imperava: pareva che la guerra non fosse ancora finita, tanto era difficile procurarsi di che sfamarsi, tanto era difficile vendere, per chi sperava di vendere quel poco che poteva offrire. Negli scaffali dei negozi poteva essere desunto dalla polvere che si accumulava sui prodotti quanti di questi venivano venduti ed in quanto tempo. Con una unica, parziale eccezione per i pescivendoli (purché si parlasse di pesce minuto, di poco prezzo), nessun rivenditore poteva vantarsi di aver avuto una giornata positiva, tale, cioè, che avesse intascato almeno il capitale investito.

Nelle condizioni peggiori di tutti versavano, purtroppo, ed ovviamente, i macellai. La carne, per le povere mense del paesino (ma non solamente di quello, a quei tempi), era ancora un lusso che, non potutosi permettere durante la guerra, ancora non era possibile permettersi in tempi di riacquistata pace. Pareva che le macellerie rivestissero ciascuna il drappo nero della miseria e del lutto, anche se tutte cercavano, specialmente durante le vacanze natalizie pasquali e patronali, di addobbare, con variopinte violacciocche od altri fiori disponibili, le povere carni di agnelli e capretti esposti, al di fuori dei locali, alla pubblica vendita. Era una vera pena. Per tutti!

Non so a chi, non so come, a qualcuno venne un barlume alla mente: perché non associarsi? Detto, fatto. Si ebbero incontri, si stabilirono regole: alcune macellerie sarebbero rimaste chiuse, altre si sarebbero divise i compiti: una avrebbe venduto quarti di bovini, un’altra di bovini e carni ovine, una ancora maiale, un’altra solo parti interne o estremità, eccetera. E, mentre una squadra avrebbe provveduto alle vendite, un’altra si sarebbe incaricata dell’acquisto degli animali da macello ed della loro macellazione. A ciascun fine-settimana si tiravano le somme, si chiudeva la relativa contabilità, si toglievano le spese, si dividevano gli utili.

A parte qualche inevitabile sospetto (erano sempre stati sospettosi, tra di loro, quei macellai, per tante ragioni diverse che non è qui il caso di trattare), i risultati si vedevano. Pochi, ma positivi, per tutti.

Parte, un giorno, la squadra degli addetti agli acquisti e, dalle masserie dei boschi, si ritira, oltre che con altre bestie, con un ciavàrr, cioè, un giovane toro sui due anni, alto, slanciato, con le corna ormai possenti grigio-nere, la coda concolore, il resto del pelame con pari sfumatura sul fondo grigio caratteristico della razza podolica. Che bestia! In una plaza de toros madrilena non avrebbe affatto sfigurato: pareva tagliato per la corrida. E pareva tagliato per dar filo da torcere se non proprio per uccidere, al fine di difendere il proprio diritto alla vita!

Si era sotto le feste patronali di uno dei primi anni cinquanta. Dalla stalla, nella quale non era stato facile rinchiuderla due giorni prima, la bestia, assicurata da più di una fune, il primo pomeriggio della mattanza fu menata al macello, un vecchio macello che, alcuni decenni dopo, sarebbe stato trasformato in deposito di frutta ed ortaggi. Lo spettacolo di questa mena avrebbe tolto punti alle corse impazzite dei tori sivigliani, che seminano terrore, feriti e, qualche volta, morti, per le strade cittadine. Era un evento straordinario, un evento unico, che faceva mantenere il fiato sospeso ed accapponare la pelle. L’incedere, comunque regale, possente, non era solo contrastato, era risolutamente combattuto. Ci si muoveva – può parer esagerato dirlo – a millimetri! Ogni momento era un fermarsi, uno sbuffare, un impuntare le zampe, un tentativo di slancio, di corsa verso la libertà, sempre bloccata sul nascere, poiché una fune, legata alla zampa anteriore destra, subito sopra lo zoccolo, tenuta aderente al corpo con un’altra corda legata intorno alla cassa toracica dopo il garrese, veniva immediatamente tirata, causando la caduta del toro. La vittima sentiva, sapeva di essere vittima! Ma, di andare ad immolare la propria vita in quell’angusto locale non era quello che sicuramente si era mai auspicato durante tutta la propria esistenza. Forse sognava di invecchiare tra la macchia ed i boschi, dopo aver dato per anni il proprio seme a perpetuare la razza; forse – morire per morire – avrebbe preferito morire in un’arena. Chissà? Non lo sapremo mai. Così come non lo avremmo saputo se lo avessimo ipotizzato e gli avessimo rivolto la domanda in quell’antivigilia del 2 Luglio di quell’anno.

Nonostante che all’epoca quella strada fosse disabitata e, quindi, solitaria, molta gente fu attirata dal frenetico vociare che se ne faceva, dai commenti che se ne portavano in giro. La folla non ammansiva di certo la bestia. E, prima di riuscire a farla entrare nel macello, passarono lunghe mezz’ore. Ciò fatto, il povero ciavàrr fu legato alla colonna semincassata nel muro, con le corna ben vicine alla stessa, così che non avesse alcuna possibilità di movimento: riuscire ad introdurre la punta del coltello subito dopo le corna, all’attacco della nuca, era già un’impresa a bestia ferma, figurarsi se, invece, la bestia fosse stata in condizione di ruotare la testa!

Quando tutto fu pronto, la porta del macello chiusa, i pochissimi autorizzati messi in relativa sicurezza, il socio destinato all’esecuzione del rituale prese il coltello, si avvicinò, ne puntò la punta nel posto che conosceva bene per tanta esperienza acquisita e dette l’affondo. La punta della lama penetrò, ma u ciavàrr non parve minimamente molestato. Anzi, in un supremo impeto di forze, riuscì a far allentare le funi ed il suo carnefice si trovò a mal partito: perse la presa del coltello e si trovò ad oltre mezzo metro dalla vittima. Anche gli altri, colti di sorpresa, lasciarono le funi ed il giovane toro si trovò libero di fuggire, infilando il vano della porta che, nel frattempo, era stata aperta da chi aveva ritenuto più igienico guadagnare l’uscita anziché rischiare cornate al chiuso. La bestia, coltello infilzato, funi striscianti, prese a scendere lungo la costa, in diagonale, portandosi prima sopra una galleria, lato ovest, poi dirigendosi oltre, passando nella parte sud della ferrovia. Tutti i macellai della squadra, con relativi figli-aiutanti, frenetici, a correre, con altre funi pronte a cappio, per poter raggiungere e catturare il povero ciavàrr insanguinato. Qualcuno, percorrendo la strada, allora sterrata, bianca, polverosa, riuscì a pararsi davanti alla giovane bestia, che si arrestò giusto quel tanto d’indecisione sorta su quale altra via alternativa di fuga indirizzare la propria scelta. Attimo fatale! Fu recuperata la fune fissata alla zampa, fu afferrata ben stretta una di quelle legate alla sua testa, ne fu aggiunta un’altra, lo si riebbe subito sotto controllo. La corsa non era stata lunga, ma era tanta quanta le sue forze gli avevano potuto permettere! Non si faticò poco per rimenarlo al macello, ma, alla fine, tra i battimani degli astanti, specialmente – beata innocenza! – dei vari ragazzi e ragazzini, l’impresa andò in porto.

Questa volta, il coltello (che, incastrato com’era, non si era minimamente mosso dalla nuca del giovane toro), fu portato decisamente più in profondità ed il midollo fu debitamente reciso. Stramazzato a terra, fu poi finito secondo le consuete procedure, fino a quando non fu ridotto in quarti ancora tremanti e fumanti, pronti per le macellerie e per il palato di chi, ignaro di tutta la tragedia, avrebbe potuto accaparrarsene una razione.

Rannicchiato nell’angolo destro, sul lato della porta, un ragazzo, non visto, pianse: poche, significative lacrime, ben idonee, da sole, ad esprimere la pietà che quel giovane ciavàrr (giovane quasi come lui, del resto, se dobbiamo ritenere che ciavàrr possa derivare dallo spagnolo chaval – da pronunciare ciaval – che significa, per l’appunto, giovane) gli aveva fatto sorgere nel cuore! E sicuramente fu anche l’unico a non voler mangiare di quelle carni, che dovevano essere semplicemente squisite, a giudicare da come gli altri congiunti le gustavano, arrostite alla brace!

Novelle Dialettali: U SCIALAQQUόN’ (Il figlio prodigo) di Vincenzo Campobasso

C’ stév’ na vòvt, tànda tèmb fa, na famìgghjə ch’mbòst da nu pètr, na mamm e nnu fìgghjə p’cc’nìnn che jév’ rumàst sul’ p’cchè, dόp’ d’ jiss, no nn jèv’n v’nút’ cchjù. ‘A mamm facèv’ a fèm’n’ d’ chès’, u pètr p’nżèv’ ä ppurtà nnanż i nderèss da famìgghjə ccupànn’c’ dī propjètà che tt’név’, sìjə dàlla pàrta sόjə che dàlla part da m’gghjèr’. T’nèv’n’ chès’, majazzín’ e, cchjù d’ tùtt, cambàggn d’ uȗlìv’ e pparìcchjə jardín’ d’ ch’mùn’ e pportajàll. U pètr (tand p’ ddar’l’ nu nόm’, u chjamèm’ Gg’sèpp), púr’ se cc’ facèv’ jutà dē cr’stjèn’ ä zappà, ä rr’cògghjə, ä spruuà, jèv’ sèmb u prím’ ä ffrutt’càr’c’ i màn’ch’ p’ ddà l’esèmb’jə, qualùnqua cόs’ c’ stév’ da fa. Ä bbadà lla chès’ e ö cr’jatúr’, c’ p’nżèv’ ‘a m’gghjér’ (che chjamèm’ Marìjə), che jèv’ na fèm’n’ veramènd attív’, sparaggnόs’ e d’ bbόna famìgghjə. Ä quiddi tèmb, presèmbjə, púr’ se u pèn’ ciu putèv’n’ ccattà cóm’ ciaccattàv’n’ àvti còs’, jèss pr’f’rèv’ jav’zàr’c’ ‘a nòtt p’ tr’mbàr’l’ jèssa stèss e pp mmannàr’l’ ö fùrn.

U uaggliόn’ (l’ dím’ u nόm’ d’ Ggiosín’) cr’sscév’. Cr’sscév’ – cóm’ c’ dic’ – nda vammèc’, bbèll e ttúnn, latt e mmél’. I mègghjə cannarutìz’jə, ‘a mègghja carn, i mègghjə pìssc’, i mègghjə scarp, i mègghjə v’stít’, u mègghjə mègghjə d’oggneccόs’, nżòmm. E tt’név’ púr’ na bbèlla uaggliόn’ (quèdd che jòjə c’ díc’, p’ nna parόla ggiargianés’, na bbébi sìtte) ch’u bbadèv’ quann ‘a mamm sscèv’ p’ ffa ‘a spés’ o p’ àvti sruvìzjə da chès’). Nzòmm, nta ddójə parόl’, jèv’ trattèt’ cóm’ä nnu pr’ng’pín’, anż, cóm’ä nnu ddìjə! E ddö mumènd che sìjə ‘a mamm che ‘a bbébi sìtte jèv’n tutteddόjə bbastànż struȗít’, p’ Ggiosín’ ănna p’nżèt’ che no ng’ stév’ mangh’ n’ng’ss’tà d’ mmannàr’l’ alla scόl’ du maggnà, p’ ffar’lu jucà p’ jjàvti crijatúr’. E, quann jè stèt’ u mumènd d’ mmannar’l’ alla scόla lemendèr’, ănna pr’f’rút’ pajà nu majèstr che l’ mbarèv’ quidd che l’avèva mbarà d’rettamènd alla chès’. Dalla scόla mèdjə fín’ ë scόl’ superjόr’, pu, l’anna mmannèt’ ö collègg’.

E ffín’ ä cuddu mumènd, i cόs’ parév’ che jèv’n’ pròpjə bbón’. I uèjə sònn ccum’nżèt’ dόp’! Vulènn’lu fa d’v’ndà vvuchèt’, l’anna mannèt’ ä Nnap’l’, addov’ l’ănna ff’ttèt’ na stanżètt da na famìgghjə che pruvv’dèv’ sìjə pu maggnà che pā pul’zzìjə, ccuscì che Ggiosín’ putèv’ p’nżà sulamènd ö stud’jə. Ma u ggiòv’n’, che no nggnèv’ bb’tuèt’ ä sta mmèzz ä ddavti ggiùv’n’, c’ jè truȗèt’ nu pόch’ ä mmel’partít’: prím’ c’ jè tt’nùt’ lundèn’ e ppu, quann c’ jè vv’lùt’ uùc’nà, n’ssciún’ u vulév’ fa cumbagnìjə. Allόr’ ch’à pp’nżèt’ Ggiosín’, che jèv’ comúngh’ ndelliggènd? I sòl’t’ no ll’ mangàv’n’ e ccuscì l’à ccum’nżèt’ ä mm’tà na vòv’t’ ä maggnà na pìzz, na vòv’t’ ö c’n’matògr’f’, na vòv’t’ ö tr’jèt’ e, alla fin’, c’ jè fatt nu bbèll cèrchjə d’ cumbàggn, che Ggiosín’, ngènuə cóm’ jèv’, chjamèv’ amíc’. U piacér’ che l’ dèv’ ‘a vít’ jèv’ dòvc’, tànda dòvc’ che, mmèc’ d’ mbiejàr’c’ quatt’ann ä p’gghjàr’c’ ‘a làur’, cià mbijèt’ u dòpp’jə! Mèjə ä pp’nżà, Gg’sèpp e Marìjə, p’ qquàlla raggiόn’ stu fìgghjə, che no nnavéva pèrs mèjə n’ann d’ stùd’jə, allùt’m’ allùt’m’ ciavèva mbiejèt’ u doppjə dū tèmb p’ dd’v’ndà vvuchèt’. Ngènuə cóm’ púr’ lόr’ jèv’n’, p’nżàv’n’ che ‘a còl’p’ jév’ sulamènd dā c’tà e ddā lundanànż che no lli p’rm’ttèv’ d’ far’l’ ‘a stèssa quand’tà d’ vìs’t’ che l’ facèv’n’ quann stèv’ ngollègg’.

Sìjə cóm’ sìjə, Ggiosín’ tòrn ö pajés’ pā làur’ che vvulèv’n’ i ggenitόr’, che, sènża fa i cùnd pū p’nżér’ dū figghjə, sùbb’t’ ănna ccattèt’ na chès’ e l’ănna fatt strafurmà nda nu bbèll stùdjə d’ vvuchèt’. Ma, ä Ggiosín’, no ll nguzzèv’ pròpjə d’ fa nènd: ‘a vít’, cóm’ avéva mbarèt’ ä Nnap’l’, jèv’ tròppa bbèll p’ ppèrd’c’ nu sól’ mumènd d’ jèss ä ffat’jà, sìjə púr’ cóm’ vvuchèt’! U dòv’c’ che l’ putèv’ dà ‘a libbertà no ng’ stèv’ nènd che ciū putèv’ dà! E ccuscì, sapènn oramèjə’ accóm’ c’ facév’ p’ ffar’c’ l’amíc’, à ccum’nżèt’ n’àvta vòvt ä ppajà i spés’ d’ tùtt p’ pputèr’c’ sullazzà. E spìnn jòjə, spìnn crèjə, i propjetà d’ Gg’sèpp e Mmarìjə, sèmb prònd ä ppajà i dìbb’t’ dū fìgghjə p’ nno nfar’lu fa brutta f’júr’, nu póch’ alla vòvt c’ ssutt’gghjàv’n’ sèmb d’ cchjù. Vìnn stu jardín’, vìnn sta chès’, tùtt dda r’cchèzz stév’ facènn ‘a fín’ dā capp d’ dò nŻavèr’jə. E qquann u pètr e ‘a mamm, facènn’c’ curàgg’, ddummannàv’n ö ggiòv’n’ u p’cchè d’ quèdda s’tuazjόn’, jìss r’spunnév’ sèmb che no nggnèv’ còl’pa sόjə se no nfat’jèv’: púr’ se cc’ jèv’ laurejèt’ p’ nnu bbèll vόt’, púr’ s’ tt’nèv’ nu bbèll stùd’jə, n’ssciún’ u jév’ ä ttruuà p’ ff’dàr’l’ quàl’che ccàus’! Ch’avéva fa, ciâvéva ccíd’?

“E sscì, fìgghjə mìjə, cùst jè ppròpjə cùdd ch’â fa, quann propjetà n’g’ n’ stann cchjù e jji e mmam’t’, che ggià sta suffrènn d’ malatìjə d’ cόr’, sím’ mùrt! Ji, p’ ddìr’t’ ‘a v’r’tà, tê pr’parèt’ ggià nu chjàpp appís’ alla catén’ da casèdd dū lut’m’ jardín’ che c’ jè rrumàst e cche spér’ d’ no vvènn fin’ alla mòrt! Quann sarrà, quèdd jè ‘a vìjə ch’â p’gghjà!”.

Cùdd ch’avèva dìttt Gg’sèpp ö fìgghjə no nggnév’ na bbuscìjə, jév’ pròpjə ‘a sacrosànda v’r’tà! Na cόsa sól’ no ll’avèva dìtt e ngia putév’ díc’: che, quann jèv’ ä mb’ccàr’c’, avéva truuà na bbèlla sorprés’!

No mbass tèmb che quèdda pòv’ra Marìjə mόr’, cóm’ c’ p’nżèv’, pròpjə d’ crépacόr’! E, ddόp’ ä qquàl’che mmés’, púr’ Gg’sèpp c’ va rr’c’ttà. P’ Ggiosín’, mméc’, parév’ che no nggnév’ caggnèt’ pròpjə nènd! E, fín’ ä qquann l’ jè rrumàst na lίr’ da spènn, no ng’ jè tratt’nút’ mangh’ nu pόch’ da spènn’l’! E à ffatt púr’ d’ cchjù! E dd’ pèjə!

Dόp’ ch’avéva v’nnút’ u stùd’jə e ‘a chès’, pū patt che c’ putév’ jabb’tà angόr’ p’ nn’ann, à v’nnút’ púr’ u lùt’m’ jardín’ pā casèdd, lassànn’c’ u d’rìtt d’ cunż’ggnà i chjèv’ dā casèdd dóp’ nu cèrt tèmb, e cc’ jjè ddèt’ ë bbajòrd pèjə d’ sèmb! Nda ppóch mís’, i sòl’t’ c’ stèv’n’ funènn e ccuscì à ccum’nżèt’ ä raddúc’ i mmít’. Pā conżeguènż che tùtt quidd che jiss cr’dév’ amíc’, nu pόch’ alla vvòvt, c’ sònn llundanèt’, lassànn’l’ sèmb cchjù súl’! Ä cùddu pùnd à ccum’nżèt’ ä rr’curdàr’c’ i parόl’ che tànda vòvt l’avéva dìtt u pètr: “quann sarrànn f’nút’ i sòl’t’, sarrànn f’nút’ púr’ i fèst e i m’cìz’jə. R’cúrd’t’, fìgghjə mìjə! U vér’ amích’ no nggnè ccùdd che t’ sfrùtt cóm’ ä nnu ch’mún’ e ppù t’ jètt nda mmunnèzz; jè, mméc’, cùdd che c’ sèp’ spart p’ tte u pèn’ tòst, che ciu sèp’ maggnà spunżèt’ pū sputèt’, sènża p’nżà ä jjàvti cumbanàt’ch’!”.

“Ún’ súl’ c’ n’ stév’ d’ jùst e jji no lle sapút’ ppr’zzà. E ccuscì mo no mm rumèn’ da fa javt’ che quìdd che m’à dditt: jìr’m’ ä mb’ccà ö chjapp che jìss stèss m’à ppr’parèt’!” E ‘a séra stèss, dòpp cunż’ggnèt’ ‘a chjèv’ dā chès’ che, tand, no ll s’rvév’ cchjù, à pp’gghjèt’ ‘a strèt’ du jardín’ cummìnd che qèdd jèv’ ‘a sól’ che pputév’ p’gghjà. Rruȗèt’ alla casèdd, grèp’, ppìcc’ nu zufarèdd, véd’ addόv’ c’ trόv’ u chjàpp, nghjèn’ sόp’ ‘a s’gg’tèdd che stév’ sòtt, nfíl’ ‘a chèp’ nda còrd, strèggn nu pόch’, vòtt ‘a s’ggiόl’ e… cchèd’ p’ ndèrr cóm’ ä nna pérasècch’! Nu mumènd dόp’, uȗcín’ ä gghjss, u r’mόr’ d’ na ggiàrl che c’ jèv’ ròtt cadènn e nnu sόn’ d’ marèngh’ d’όr’ che c’ spatr’jàv’n’ p’ ttùtt u làstr’ch’!

No ngr’dév’ ä ddùcchjə pròpjə che, tramènd, c’ jèv’n’ bb’tuèt’ ö scùrd, no nżapév’ che pp’nżà, no nżapév’ che ffa. L’un’ca cόs’ che l’ jè r’jəsciút’, jè stèt’ d’ mètt’c’ ä cchjaggn, cόs’ che jèv’ ‘a prima vòvt che ffacév’ nda vίta sόjə! E cchjaggnènn chjaggnènn, c’ jè dd’rmút’ p’ ndèrra stèss fín’ ä qquann nu uadd nda nu jardín’ uȗcín’ no ll’à rusp’gghjèt’ ‘a matína dόp’!

U messàgg du pètr jèv’ stèt’ capìt’, alla fín’! C’ jàvz, c’ lèv’ p’ ddàqqua frèdd dū pùzz, rr’cògghjə i marèngh’, pulìzz ‘a stanż, chiúd’ ‘a casèdd e ttòrn ö pajés’. ‘A prima cόs’ che ffa, và dö var’vér’, c’ fa tagghjà var’v’ e ccapìdd, pù c’ và ccattà nu bbèll v’stít’ p’ nna bbèlla camísc’ e nna gravatt, scarp nόv’ e cav’zètt, tòrn alla casèdd, c’ spògghjə d’ quèdda rròbb che ormèjə c’ jév’ fatt ä cciajόm’ e ä mezz’júrn ciappr’sènd ö ristorànd addόv’ tànda vòvt jév’ stèt’ pī cumbàggn ä ffa bajòrd. U patrún’, pā v’r’tà, no nnu vulév’ fa ss’ttà, ma Ggiosín’, che ffa?, pìgghjə na marèngh’ e ‘a jètt sόp’ ö bbangόn’! Ä vv’dè ccuscì, u patrún’ sùbb’t’ chjèm’ i cammeriér’ e ll’ díc’ d’ s’rví all’avvuchèt’ tùtt quìdd che vvo. Nda ppόch’ júrn, tùtt u pajés’ sapév’ ‘a nuv’tà e tùtt i cumbàggn d’ bajòrd che c’ jèv’n’ llundanèt’ p’cchè ng’ stév’ nènd cchjù da mòggn, c’ vulèv’n’ vvuc’nà n’àvta vòvt, ma Ggiosín’ jèv’ ggià ccaggnèt’, jév’ n’av’tu cr’st’jèn’. Ä oggnedún’ d’ lόr’ à rr’p’tút’ i parόl’ dū pétr, appropòs’t’ d’ ll’am’cìzjə, c’ jè ffatt p’gghjà nda nu stùdjə d’ vvuchèt’ e dόp’ pόch’ tèmb c’ jè fatt nu bbόn’ nόm’, tand da d’v’ndà sùbb’t’ sòc’ du stèss stùdjə, à ddèt’ ndrét’ i sòl’t’ dā casèdd, che no mbutév’ pèrd p’ nn’ssciúna raggiόn’ ö mùnn, cià ccattèt’ na chès’, cià ttruuèt’ na bbona fìgghjə d’ mamm, c’ jè spusèt’, púr’ se jjév’ ggià d’ cchjù d’ quarand’ànn, e à ccum’nżèt’ púr’ ä ccanòssc’ quàl’che vvér’ amích’, d’ quìdd che c’ pònn scrív’ pā ja majùsch’l’!

Vincenzo Campobasso

001 (1) (1) (1) (1) (1) (1) (1) (1) (1) (1) (1) (1) (1) (1)L’immagine è del tutto casuale 😉

TRADUZIONE (sempre a cura di Vincenzo Campobasso)

IL FIGLIO PRODIGO

C’era una volta, tanto tempo fa, una famiglia composta da padre, madre ed un figlio piccolino che era rimasto solo perché, dopo di lui, non ne erano venuti più. La mamma svolgeva il ruolo di donna di casa, il padre si premurava di portare avanti gli interessi della famiglia occupandosi delle proprietà che aveva, sia di proprio che da parte della moglie. Possedevano case, magazzini e, più di altro, oliveti e parecchie campagne di limoni ed aranci. Il padre (tanto per dargli un nome, lo chiameremo Giuseppe), pure se si faceva aiutare da altri a zappare, raccogliere, potare, era sempre il primo a rimboccarsi le maniche per dare l’esempio, qualunque cosa ci fosse da fare. A badare alla casa ed al bambino, pensava la moglie (che chiameremo Maria), che era una donna veramente attiva, risparmiatrice e di buona famiglia. A quei tempi, per esempio, anche se potevano benissimo acquistare il pane come compravano altri generi, lei preferiva alzarsi nella notte per impastarlo e mandarlo al forno.

Il bambino (gli diamo il nome di Giosino, piccolo Giosuè) cresceva. Cresceva – come si dice – nella bambagia, bello e rotondetto, tutto latte e miele. Le migliori leccornie, la miglior carne, i migliori pesci, le migliori scarpe, i migliori vestiti, proprio il meglio d’ogni cosa, insomma. E beneficiava anche di una bella ragazza (quella che oggi si dice, con parola straniera, baby sitter) che badava a lui quando la madre usciva per la spesa o per altre commissioni di casa. In due parole, insomma, era trattato come un principino, anzi, come un dio! E, dal momento che, sia la madre che la baby sitter erano abbastanza istruite, per Giosino pensarono che non c’era nemmeno la necessità di mandarlo all’asilo per farlo giocare con altri bimbi. E, quando fu il momento di mandarlo alle elementari, preferirono pagare un pedagogo che gl’insegnava quel che gli doveva insegnare direttamente a casa. Dalla scuola media fino alle superiori, poi, lo mandarono in collegio.

E, fino a quel momento, le cose parevano andare proprio bene. I guai cominciarono dopo! Volendolo far diventare avvocato, lo mandarono a Napoli, dove gli presero in affitto una cameretta presso una famiglia che avrebbe provveduto sia per il vitto che per le pulizie, così che Giosino potesse pensare solamente agli studi. Ma il giovane, che non era abituato a stare con gli altri giovani, si trovò un poco a mal partito: prima si tenne lontano e poi, quando volle avvicinarsi, nessuno voleva fargli compagnia. Allora, cosa pensò Giosino, che era comunque intelligente? I soldi non gli mancavano e così cominciò ad invitarli una volta a mangiare la pizza, una volta al cinema, una volta al teatro e, alla fine, si fece una bella cerchia di compagni, che Giosino, ingenuo com’era, chiamava amici. Il piacere che gli dava la vita era dolce, tanto dolce che, invece d’impiegarci quattro anni per laurearsi, ci impiegò il doppio! Mai a pensare, Giuseppe e Maria, per quale ragione questo figlio, che non aveva mai perso un anno di studi, proprio alla fine ci aveva impiegato il doppio del tempo per diventare avvocato. Ingenui com’erano anch’essi, pensavano che la colpa fosse della città e della lontananza che non permetteva loro di fargli la stessa quantità di visite che gli facevano quando stava in collegio.

Sia come sia, Giosino tornò al paese con la laurea che volevano i genitori, che, senza fare i conti con il pensiero del figlio, subito comprarono un appartamento e lo fecero trasformare in un bello studio legale. Ma, a Giosino, non andava proprio giù di darsi da fare: la vita, come aveva imparato a Napoli, era troppo bella per perdersi un solo momento di essa per lavorare, sia pure come avvocato! Il dolce che gli poteva dare la libertà non c’era nulla che glielo potesse dare! E così, sapendo ormai come si procedeva per farsi gli amici, cominciò un’altra volta a pagare le spese a tutti per potersi sollazzare. E spendi oggi, spendi domani, le proprietà di Giuseppe e Maria, sempre pronti a pagare i debiti del figlio per non fargli fare brutta figura, un poco alla volta si assottigliavano sempre di più. Vendi questa campagna, vendi questa casa, tutta quella ricchezza stava facendo la fine della cappa di don Saverio (persona caritatevole che, per coprire gli altri dal freddo, finì per rimanere senza il suo mantello). E quando il padre e la madre, prendendo coraggio, domandavano al giovane il perché di quella situazione, lui rispondeva sempre che non era per colpa sua se non lavorava: anche se si era laureato con un bel voto, anche se teneva un bello studio, nessuno gli faceva visita per affidargli una qualche causa! Che doveva fare, doveva suicidarsi?

“Eh, sì, figlio mio, questo è proprio quello che devi fare, quando proprietà non ce ne saranno più ed io e tua madre, che già sta soffrendo di malattia di cuore, saremo morti! Per dirti la verità, io ti ho già preparato un cappio appeso alla trave centrale della casetta dell’ultima campagna rimastaci e che spero di non vendere fino alla morte! Quando sarà, quella è la via che devi prendere!”

Quel che aveva detto Giuseppe al figlio non era una bugia, era proprio la sacrosanta verità. Una cosa sola non gli aveva detto e non poteva dirgli: che, quando fosse andato ad impiccarsi, avrebbe trovato una bella sorpresa!

Non passò tempo che quella povera Maria morì, come si pensava, proprio di crepacuore! E, dopo qualche mese, anche Giuseppe andò a prendersi la propria pace. Per Giosino, invece, pareva che non fosse cambiato niente. E, fin quando gli rimase una lira da spendere, non si trattene nemmeno un poco dallo spenderla. E fece pure di più! E di peggio!

Dopo aver venduto studio e casa, con l’accordo che avrebbe potuto abitarci ancora per un anno, vendette anche l’ultima campagna con la casetta, lasciandosi il diritto di consegnarne le chiavi dopo un certo tempo, e si dette ai bagordi peggio di sempre! In pochi mesi, il danaro stava per finire e così incominciò a ridurre gli inviti. Con la conseguenza che quelli che egli credeva amici, un poco alla volta, si allontanarono, lasciandolo sempre più solo! A quel punto cominciò a rammentare le parole che tante volte gli aveva ripetuto il padre: “quando saranno finiti i soldi, saranno finite anche le feste e le amicizie. Ricordatene, figlio! L’amico vero non è quello che ti sfrutta come un limone e poi ti butta nella spazzatura; è, invece, quello che sa condividere con te il pane duro, che sa mangiare ammorbidito con la saliva, senza pensare ad altri companatici!”.

“Uno solo ce n’era, di giusti, ed io non l’ho saputo apprezzare. E così, adesso, non mi resta altro da fare che quello che mi ha detto: andare ad impiccarmi al cappio che lui personalmente mi ha preparato!” E, la sera stessa, dopo aver consegnato la chiave della casa, che, tanto, non gli serviva più, prese la strada della campagna convinto che quella era la sola che poteva prendere. Giunto alla casetta, apre, accende un fiammifero, vede dove si trova il cappio, sale sopra la sediolina che vi sta sotto, infila la testa nella corda, stringe un poco, spinge la seggiola e… cade per terra come una pera secca! Un momento dopo, vicino a lui, il rumore di una giara che si era rotta cadendo ed un suono di marenghi d’oro che si sparpagliavano per tutto il pavimento!

Non credeva ai propri occhi che, nel frattempo, si erano abituati al buio, non sapeva che pensare, non sapeva che fare. L’unica cosa che gli riuscì, fu di mettersi a piangere, cosa che era la prima volta che faceva in vita sua! E piangendo piangendo, si addormentò lì per terra e dormì fino a quando un gallo nella vicina campagna non lo svegliò la mattina dopo!

Il messaggio del padre, alla fine, fu recepito!

Si alza, si lava con l’acqua fredda del pozzo, raccoglie i marenghi, pulisce la stanza, chiude la casetta e torna in paese. La prima cosa che fa, va dal barbiere, si fa radere la barba, tagliare e lavare i capelli, poi va a comprarsi un bel vestito con una bella camicia ed una cravatta, scarpe nuove e calze, torna alla casetta, si spoglia di quella roba che ormai è diventata ad ecce homo! ed a mezzogiorno si presenta nel ristorante dove tante volte era stato con i compagni a far bagordi. Il proprietario, in verità, non vorrebbe farlo sedere, ma Giosino, cosa fa?, prende un marengo e lo getta sul bancone! A questa visione, il ristoratore chiama subito i camerieri e dice loro di servire all’avvocato tutto quello che vuole. Entro pochi giorni, tutto il paese venne a sapere la novità e tutti i compagni di bagordi che si erano allontanati perché non c’era null’altro da mungere, volevano riavvicinarsi. Ma Giosino era già cambiato, era un’altra persona. A ciascuno di loro ripetè le parole del padre, a proposito dell’amicizia, si fece accettare in uno studio legale e dopo poco tempo si fece un buon nome, tanto da divenire subito socio dello stesso studio, restituì il danaro della casetta, che non poteva perdere per nessuna ragione al mondo, acquistò un appartamento, si fidanzò con una brava figlia di famiglia, si sposò, anche se già di oltre quarant’anni, e cominciò pure a conoscere qualche vero amico, di quelli che si possono scrivere con la maiuscola!

(Il presente aneddoto, ispirato alla parabola del biblico Figliol prodigo, è stato da me rimaneggiato ed ampliato rispetto alla breve e nuda versione riferitami nell’adolescenza, da mio padre Domenico)